COLLABORAZIONI

COLLABORAZIONI

collaborazioni
L’Associazione di Volontariato “Dimbali Jigeen” (aiutare le donne), è nata da una idea di Anna Maria Castaldelli.

La vita e i suoi eventi hanno portato Anna a frequentare per anni e per lunghi periodi il Senegal.
Questa esperienza ha fatto si che entrasse in stretto contatto soprattutto con le donne senegalesi e la loro condizione sociale. Nello specifico, è stata ospitata nel Villaggio di Gandiol nella zonadi Nianing.

Gandiol è un villaggio di circa trecento abitanti diretto da un Capo Villaggio. L’economia del paese è agricola, le abitazioni sono per la massima parte costruite con paglia e legno di bambù. La gente è ospitale e colpisce la loro dignità e la pulizia dei loro villaggi.

All’inizio gli aiuti dati sono stati del tutto spontanei e tesi a far fronte all’emergenza di cibo per le famiglie più povere e di medicinali e saponi disinfettanti per tutta la comunità. Mancano strutture sanitarie, anche solo un luogo per ricevere delle prime cure infermieristiche e prendere semplici farmaci di base.

La popolazione è costretta a fare molti chilometri per avere un consulto medico. Le donne partoriscono in casa, senza il rispetto delle più elementari norme igieniche; se c’è da far fronte ad una emergenza durante il parto, l’unico mezzo di trasporto è un carretto.

Per questo è nata l’Associazione che ha come progetto prioritario la costruzione di un piccolo ambulatorio con una farmacia minima, che servirà non solo Gandiol ma anche i villaggi vicini. Due lettini per far partorire le donne in condizioni migliori, e qualche semplice apparecchiatura medicale come un misura pressione e altri strumenti per il pronto intervento.

E’ già stato individuato il terreno per la costruzione, ed approvato il progetto sia da parte del Capo Villaggio che dalla popolazione.

Il costo complessivo (costruzione e allestimento del piccolo ambulatorio) si aggira intorno ai 10.000 euro.
Link video: https://www.youtube.com/watch?v=yT8uNW6W-6g
L’Associazione si sta attivando per la raccolta dei fondi necessari con varie iniziative, sensibilizzando gruppi culturali, musicali, teatrali, sportivi, imprenditoriali. Il ricavato delle serate organizzate, tolte le spese, viene devoluto al progetto di costruzione dell’ambulatorio.

L’Associazione nel frattempo ha attivato dal maggio 2010 un progetto di micro-credito con 8 donne di Nianing. Con un prestito di € 75 elargito a ciascuna di loro, hanno avviato un’attività (allevamento, coltivazioni, commerci vari) riuscendo a mantenere in questo modo le loro numerose famiglie.

Il progetto a tutt’oggi procede in modo molto soddisfacente.

Per quanto riguarda le famiglie bisognose, l’Associazione aiuta da anni quella di Mor Gueye, pittore di strada dotato di grande talento, ma pressoché sconosciuto con a carico una famiglia numerosa e molto povera.

logo cumse bianco rosso

diventa volontario

In questo sito facciamo uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione dei nostri visitatori