• via Cantore 19, Cinisello Balsamo (MI), 20092
  • +39 026175658
  • comunicazione@cumse.it

10,000

NEEDED DONATION
PHASES
15%

1500

COLLECTED DONATION
In

Progetto Goccia

La carenza d’acqua potabile rappresenta un problema sempre più urgente per i villaggi africani: migliaia di famiglie e bambini sono oppressi da gravi patologie legate alla disidratazione e alle infezioni provocate dall’ingestione di acqua sporca e contaminata.


Contesto del progetto

In Cameroun la precaria situazione sanitaria è aggravata dalle condizioni di approvvigionamento dell’acqua potabile. L’acqua pulita è un fattore determinante per lo stato di salute delle popolazioni e spesso il compito di trasportarla e sopperire ai bisogni delle comunità è affidato a donne e bambini, i quali devono compiere viaggi di svariati chilometri per raggiungere fonti sicure. Nel 2015 solo il 75,6% della popolazione aveva accesso all’acqua potabile. Più di 570000 persone non hanno accesso a risorse idriche di base. Nelle regioni rurali e nell’Estremo Nord, colpito da Boko Haram, la situazione è ancora più grave.

Beneficiari

La priorità di Fondazione CUMSE è stata quella di assicurare ai villaggi principali dell’estremo nord del Cameroon delle fonti di approvvigionamento idriche sicure e vicine, andando contemporaneamente a sopperire alle necessità di alcuni dei progetti ospedalieri e agropastorali. Le provincie del Nord e dell’ Estremo Nord coprono insieme il 21,1% della superficie del paese e vi abita il 27,1% della popolazione, più di 6,2 milioni di persone.

Obiettivi

Il Progetto Goccia intende ridurre la mortalità e l’incidenza delle malattie gastrointestinali nelle famiglie e in particolare nella prima infanzia. Attraverso la costruzione di pozzi e forage si vuole migliorare l’approvvigionamento di acqua ad uso civile. A questo si aggiunge l’opera di formazione ed educazione nei villaggi sull’utilizzo consapevole delle risorse idriche.

Partner

Il progetto è sviluppato in collaborazione con le comunità locali.

Azioni

Nel Nord del Cameroun le opere già realizzate e in corso di manutenzione sono 20; nell’area meridionale è in corso l’intervento denominato Nane Mendim, Madre Acqua, che comprende la costruzione di tre pozzi.

Risultati ottenuti

Il progetto è sviluppato in collaborazione con le comunità locali.

E adesso?

Oltre a monitorare costantemente la situazione idrica, Fondazione CUMSE intende attivarsi per la costruzione di nuovi pozzi (spiegare). Inoltre parte delle risorse donate vengono utilizzati per la periodica valutazione dello stato dei pozzi e per la manutenzione ordinaria. Il prossimo goal permetterà la realizzazione di un programma di censimento dei pozzi nei villaggi dell’Estremo Nord dove la Fondazione non è ancora riuscita ad arrivare.